Benvenuto, Ospite
Nome e Cognome: Password: Ricordami
  • Pagina:
  • 1

ARGOMENTO:

Locomotiva D.341 1^ serie 09/07/2012 23:12 #1348

  • Luigi Voltan
  • Avatar di Luigi Voltan Autore della discussione
  • Offline
  • Socio Nparty
  • Socio Nparty
  • Ultraitalianista FS 100%
  • Messaggi: 3502
  • Karma: 2
  • Ringraziamenti ricevuti 383
Una D.341 di prima serie su base Rivarossi

Il modello che presento fu realizzato parecchio tempo fa per conto di un amico al quale “avanzava” una D.341 di 2^ serie Rivarossi. Data la cronica carenza di locomotive italiane industriali, la mia proposta di trasformare la sua D.341 fu accolta con favore, così mi misi al lavoro. Il modello poi vinse il Premio Muzio del 2002 – sezione elaborazioni; infine, attraverso varie vicissitudini, tornò in mano mia in forma di copia in resina, grazie a Marco Gallo, quindi riallestii la locomotiva, questa volta per me.

L’elaborazione riguarda prevalentemente la cassa, la quale va pesantemente rivista. Ho iniziato lisciando completamente la parte centrale dell’imperiale riproducente la griglia superiore, le botole e gli scarichi, lasciando intatti la ventola e la botola sopra alla cabina di guida opposta. Una volta lisciato il tutto sono state tagliate con seghettino a lama circolare le porzioni frontali delle cabine. Con limetta piatta è stata data l’inclinazione esatta di appoggio per i nuovi frontali al resto della cassa, mentre le parti frontali delle cabine sono state lisciate ed appiattite.
A questo punto incollati i due frontali e stuccate e carteggiate le giunzioni, è stato ricostruito con plasticard da 0,25 mm di spessore il rettangolo di tetto al vero smontabile, nel quale sono stati inseriti due pezzetti di tubo di plasticard (profilo Evergreen) da 2 mm di diametro esterno per 1 mm di diametro interno, ad imitazione degli scarichi. Il rettangolo misura 37,5 mm per 14,75 mm e reca incise alcune chiodature e pannellature.
Una fase successiva riguarda la stuccatura e carteggiatura della linea di guarnizione della cabina A poi ritracciata con un punteruolo 2 mm verso la cabina stessa (è quella lato opposto delle griglie); poi sono stati eliminati tutti i portelli e griglie laterali della parte centrale della cassa, riportati con altrettanti dettagli realizzati incidendo il fondo di un vassoio di alluminio. Il finestrino rotondo immediatamente dietro alla cabina A, sul lato sinistro della locomotiva e stato accecato, mentre quello sul lato destro è stato prima accecato e poi riaperto in posizione arretrata di 3,3 mm.
Anche le griglie laterali che al vero coprono il comparto ventilazione dei radiatori dell’acqua sono state rifatte, lisciando quelle esistenti ed aprendo un vano di 11,2 per 9,3 mm per lato, nei quali hanno trovato alloggio due nuove griglie ricavate da una cassa di una E 656 Lima HO danneggiata. Le cornicette ed il divisorio centrale delle griglie sono in profilo Evergreen da 0,5 per 0,25 mm.








La finitura della cassa ha riguardato la realizzazione di nuovi fanali di dimensioni più opportune, realizzati con pezzetti di guaina di sottile filo elettrico, i fari centrali, realizzati con due quadratini dl plasticard poi forato, e l’apposizione delle pedane applicate ai panconi, sopra ai respingenti, riprodotte con piccoli pezzi di plasticard da 0,5 mm di spessore. Alle porte frontali ho applicato i corrimani realizzati in filo di ottone da 0,3 mm, usato anche per i corrimani posti sul tetto.
I carrelli hanno solo ricevuto l’applicazione delle sabbiere, accettando il fatto che questa meccanica è comunque datata ed imprecisa per il passo dei carrelli stessi, per non dire delle prese di corrente a pulsantini....il telaio in metallo Rivarossi è stato smussato alle estremità  e ridipinto in nero opaco, onde accogliere la cassa con il profilo mutato.





La verniciatura è stata eseguita a pennello con colori acrilici (oggi vanno bene i Puravest) nelle tonalità  Isabella, rosso segnali per panconi e fascia laterale del telaio, castano per carrelli, sottocassa centrale, imperiale e mascherina dei finestrini frontali., mentre le targhe, scritte, numeri e modanature color alluminio sono decals di produzione Danifer/MDF. Lo stemmino frontale, che avrebbe la pretesa di ricordare il logo FIAT, è un minuscolo pezzetto di nastro isolante rosso. Un minuscolo tocco in alluminio alle cornici dei fanali impreziosirà  il tutto.
Applicate le decals e disegnate con pennarello nero ultrafine le guarnizioni nere di alcuni portelli, si stende una mano di trasparente opaco (io uso il Talken in bomboletta), che ha lo scopo di uniformare il tutto ed eliminare imperfezioni. I trasparenti sono imitati con il cristal-clear.
Così trasformata, la D.341 di prima serie si presta ad essere impiegata al traino di treni locali o merci, prevalentemente ambientati nel Sud della penisola, avendo esse terminato la loro carriera nei depositi di Catanzaro Lido e Taranto.
Non essere impulsivo e siedi sulla sponda. Prima o poi il cadavere passa.....urca se passa....
Nell'immodesto tentativo di imitare Dio, l'uomo costruì la E.444 (S.M. Luigi V°)
I lunghi singhiozzi dei violini d'autunno, feriscono il mio cuore con monotono languore....
Ringraziano per il messaggio: Igor Furnari

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Ultima Modifica: da Luigi Voltan.

Re: Locomotiva D.341 1^ serie 11/07/2012 07:22 #1434

  • angelo buonocunto
  • Avatar di angelo buonocunto
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 104
  • Ringraziamenti ricevuti 4
Ciao Luigi,anni fa riuscii a trovare un clone in resina della Tua macchina ma all'epoca non sapevo chi fosse stato a realizzarlo.Fui poi informato e cosi' decisi di montargli la classica motorizzazione Atlas/Rivarossi e avere cosi' una piacevole machina su e giu' per il plastico.Ora il plastico non c'è piu' (al momento,in attesa di tempi piu' tranquilli...) e tutto il materiale rotabile sonnecchia nelle scatole ma quando vedo questa 341 non posso che ricordarmi del Tuo impegno gia' in tempi lontanucci in cui ti davi da fare per la nostra amata scala N.Bravissimo,continua sempre..(allego una foto della machina in oggetto e non mi criticare troppo se all'epoca ho sbagliato qualcosa o ho omesso qualche particolare :appena posso,la miglioro grazie ai tuoi consigli) Saluti....Angelo.


Allegati:
Ringraziano per il messaggio: Luigi Voltan

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Re: Locomotiva D.341 1^ serie 11/07/2012 08:20 #1435

  • Luigi Voltan
  • Avatar di Luigi Voltan Autore della discussione
  • Offline
  • Socio Nparty
  • Socio Nparty
  • Ultraitalianista FS 100%
  • Messaggi: 3502
  • Karma: 2
  • Ringraziamenti ricevuti 383

angelo buonocunto ha scritto: Ciao Luigi,anni fa riuscii a trovare un clone in resina della Tua macchina ma all'epoca non sapevo chi fosse stato a realizzarlo.Fui poi informato e cosi' decisi di montargli la classica motorizzazione Atlas/Rivarossi e avere cosi' una piacevole machina su e giu' per il plastico.Ora il plastico non c'è piu' (al momento,in attesa di tempi piu' tranquilli...) e tutto il materiale rotabile sonnecchia nelle scatole ma quando vedo questa 341 non posso che ricordarmi del Tuo impegno gia' in tempi lontanucci in cui ti davi da fare per la nostra amata scala N.Bravissimo,continua sempre..(allego una foto della machina in oggetto e non mi criticare troppo se all'epoca ho sbagliato qualcosa o ho omesso qualche particolare :appena posso,la miglioro grazie ai tuoi consigli) Saluti....Angelo.



Qui non si critica...al massimo si consiglia...... :lol:
Non essere impulsivo e siedi sulla sponda. Prima o poi il cadavere passa.....urca se passa....
Nell'immodesto tentativo di imitare Dio, l'uomo costruì la E.444 (S.M. Luigi V°)
I lunghi singhiozzi dei violini d'autunno, feriscono il mio cuore con monotono languore....

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Re: Locomotiva D.341 1^ serie 11/07/2012 10:53 #1437

  • Giuseppe Petronio
  • Avatar di Giuseppe Petronio
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 154
  • Ringraziamenti ricevuti 4
...Che debbo dire Luigi sei un maestro....pensa che io ne ho due della lima uno è un vecchio tipo con gangi ad occhiello che cammina benissimo penso sia con motore a G, l'altra che mi ha venduto Marco Gallo che non va proprio il motore è andato in Ko, mipiacerebbe riadattarla magari sostituendo il motore, penso di portarla a Novegro per avere qualche consiglio in più dal vivo.
ciao
Peppe
SalutoNi da Peppe

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Re: Locomotiva D.341 1^ serie 10/09/2020 16:57 #41392

  • Luigi Voltan
  • Avatar di Luigi Voltan Autore della discussione
  • Offline
  • Socio Nparty
  • Socio Nparty
  • Ultraitalianista FS 100%
  • Messaggi: 3502
  • Karma: 2
  • Ringraziamenti ricevuti 383
Qui la 1001 in corsa col localino di rito.....:

Non essere impulsivo e siedi sulla sponda. Prima o poi il cadavere passa.....urca se passa....
Nell'immodesto tentativo di imitare Dio, l'uomo costruì la E.444 (S.M. Luigi V°)
I lunghi singhiozzi dei violini d'autunno, feriscono il mio cuore con monotono languore....

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Re: Locomotiva D.341 1^ serie 11/09/2020 21:20 #41393

  • Marco Gallo
  • Avatar di Marco Gallo
  • Offline
  • Socio fondatore
  • Socio fondatore
  • Messaggi: 5541
  • Karma: 6
  • Ringraziamenti ricevuti 442
Questa mi sembra proprio di conoscerla!
Nulla impedira` al sole di sorgere ancora, nemmeno la notte piu buia, perche` dietro alla nera cortina della notte c’e` un’alba che ci aspetta

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Re: Locomotiva D.341 1^ serie 12/09/2020 09:50 #41394

  • Luigi Voltan
  • Avatar di Luigi Voltan Autore della discussione
  • Offline
  • Socio Nparty
  • Socio Nparty
  • Ultraitalianista FS 100%
  • Messaggi: 3502
  • Karma: 2
  • Ringraziamenti ricevuti 383
.....e fin troppo bene..... ;)
Non essere impulsivo e siedi sulla sponda. Prima o poi il cadavere passa.....urca se passa....
Nell'immodesto tentativo di imitare Dio, l'uomo costruì la E.444 (S.M. Luigi V°)
I lunghi singhiozzi dei violini d'autunno, feriscono il mio cuore con monotono languore....

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Pagina:
  • 1
Tempo creazione pagina: 0.738 secondi

Supporta le attività della nostra associazione con una piccola donazione.



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.