Sono una famiglia di carrozze importante, ma non se ne parla mai moltissimo. Concepite già nel 1940 e realizzate in 10 prototipi marcati Cz 33.000 – 010 di terza classe, constavano di una cassa simile a quella delle precedenti 32.000 Tipo 1937, ma con finestrini a foro unico, mantici protetti da una carenatura laterale e carrelli tipo 28. Caratteristico il rientro ai vestiboli e la nervatura alle fiancate, longitudinale, che doveva dare rinforzo ad una struttura il più possibile alleggerita.
Dal 1946-50, con i fondi del Piano Marshall, furono realizzate in diverse soluzioni. Nella 3^ classe si adottavano sedili imbottiti come per le 32.000 da 4 posti, idem in 2^ classe, ma con modulo maggiorato, e divani da 3 posti in 1^ classe. Venne così costruita la “famiglia 3”, dalla seconda cifra utilizzata per le marcature delle carrozze appartenenti a questa famiglia di veicoli.
Furono realizzate carrozze di:
1^ classe (Az 13.010 – 059) 50 unità da 8 scompartimenti, tara 35t.
2^ classe (Bz23.010 – 149) 40 unità da 9 scompartimenti (diverranno Az dal 1956), tara 35t.
3^ classe (Cz 33.010 – 784) 775 unità da da 10 scompartimenti (diverranno Bz dal 1956), tara 34t.
1^ e 2^ classe miste (ABz 53.010 – 049) 40 unità da 4 + 5 scompartimenti (diverranno Az dal 1956) tara 37t.
Sono stati realizzati anche bagagliai Dz 83.000 – 109 e, più tardi, anche bagagliai-posta, noti però come Tipo 1949, DUz 93.100 – 139

Sono veicoli che hanno ovviamente la struttura completamente metallica saldata, carrelli tipo 27 da 2700mm di passo nelle varie declinazioni (27, 27A, 27B, 27D), anche se per alcuni bagagliai, bagagliai-posta e Cz 33 furono inizialmente impiegati carrelli di recupero dei tipi AM/m, AB/m, ABB/m, ABM/m.
Lunghezza della cassa ed interperno differivano lievemente a seconda della versione.

Il freno era con distributore Breda e la categoria di velocità loro assegnata era la “Speciale”, potendo essere trainate alla massima velocità consentita dalla linea.
Dal 1969 sarà assegnata loro la categoria di velocità “140” per tutte le unità con carrelli non di recupero.

Il riscaldamento era a vapore di tipo FS ed elettrico a 3000 Volt, salvo poi 5 Az, le Bz e le ABz ricevere l’RE RIC a tre tensioni per servizio internazionale.

La livrea iniziale fu il classico bicolore castano e Isabella, con parte delle Az 13 , alcune Bz 33 e alcuni DUz 93 dipinte dal 1957 in blu e celeste per i rapidi R30/33 Treno Azzurro.
Dal 1961 si passò gradualmente al tutto castano e dalla seconda metà degli anni ’60 al grigio ardesia, sempre con imperiale alluminio.

Il loro impiego spaziava dai rapidi ai locali e furono impiegate intensivamente sino a tutti gli anni ’80, via via messe in disparte nel decennio successivo, nonostante la riqualificazione, dalle numerose UIC-X frattanto realizzate.

A fine anni ’70 iniziò la ristrutturazione delle Az, delle ex Bz ora Az 23 e delle Ex ABz poi Az 53 e solo due Bz ex Cz 33, prevedendo il sostituzione dei finestrini, rifacimento arredi e rivisitazione lay-out a 9 scompartimenti per tutte (10 per le ex 33.000). Furono rivisti gli intercomunicanti che da un certo punto in poi furono quelli tubolari e non più a mantice ed i carrelli 27 lasciarono il posto ai 24Au ed autorizzazione al rango B di velocità. Il riscaldamento, a parte un  primo lotto di ristrutturate, fu del tipo FS a 3000V ad aria soffiata.

Alcune immagini ufficiali della famiglia......(foto FS/coll. Voltan)

Az13

Az 13

Bz 23
Bz 23

Cz 33
Cz 33

ABz53
ABz53

Dz 83
Dz 83

DUz 93
DUz 93

Carrozza 1946 di 1^ classe ristrutturata
Carrozza 1946 di 1^ classe ristrutturata

 

 Una Bz 33.010 in livrea tutto castamo (foto FIAT)

 

Una Az 13.010 in livrea Treno Azzurro (Foto FIAT)

 

 

Nella scala N nessuna carrozza di questa famiglia è ancora stata riprodotta....

Supporta le attività della nostra associazione con una piccola donazione.



I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok